Astro Bashir - Logo
Astro Bashir - Articoli

ARTICOLI

"Quando si evoca l’immagine dell’astrologo dei tempi antichi, lo si immagina intento ad osservare il cielo, dedito pazientemente alla comprensione dei movimenti dei pianeti e degli astri e alla ricerca della naturale relazione tra il cosmo e gli eventi terreni, un astrologo-astronomo quindi che viveva in un contesto culturale molto consapevole della volta celeste. Astro Bashir - Articoli Per millenni l’uomo ha osservato il cielo e in esso ha ritrovato i cicli della vita terrestre, proiettandovi in un mutuo risuonare il proprio immaginario.

Non deve quindi sorprenderci il fatto che, per esempio, nella Grecia antica ogni cittadino avesse familiarità con il cielo stellato: il manto di Urano era per i Greci un libro aperto, una sorta di enorme fumetto dove leggere la storia dei propri antenati e la propria mitologia, dalle imprese di Ercole alle varie trasformazioni di Zeus.

Se dall’ immaginario o dalla storia passiamo alla realtà odierna, troviamo uno scenario molto diverso: riusciamo a vedere solo poche Stelle in un cielo ormai offuscato da inquinamento luminoso e polveri sospese e ben poca Astronomia viene studiata a scuola, senza considerare che il passaggio da una visione mitologica del mondo ad una visione materialistica ha tolto molto fascino alla contemplazione della volta celeste.Astro Bashir - Articoli È abbastanza frequente nella nostra epoca che perfino un laureato in fisica riconosca a stento la Grande Orsa.

Tra gli astronomi le cose naturalmente vanno molto meglio, ma il loro interesse è al giorno d’oggi comprensibilmente rivolto agli aspetti più lontani e profondi dello spazio cosmico.

Tra gli astrologi, coloro che dovrebbero tramandare l’antica Scienza Sacra del cielo, le cose vanno decisamente peggio. È infatti estremamente raro incontrarne uno che sappia riconoscere in cielo almeno qualcuna delle Costellazioni dello Zodiaco. Di più, se gli si chiede come mai non le conosca o perché non gli interessino, la risposta più frequente è che l’astrologia non ha niente a che fare con le Stelle e viceversa."
(Da Astrologia Siderale dell’autore, pag. 7)

Gli astrologi occidentali in effetti da lungo tempo hanno smesso di osservare il cielo. L’impostazione tolemaica di una Terra al centro di un Universo immobile ha portato, a causa della precessione degli equinozi, a una discrepanza tale tra il cielo reale e quello descritto dall’Astrologia occidentale da rendere l’osservazione della volta celeste un’attività incoerente con le effemeridi astrologiche.

Qualcosa è cambiato verso la metà del secolo scorso, quando Cyril Fagan presentò al mondo astrologico occidentale la ricostruzione dello Zodiaco siderale caldeo-babilonese. Da allora si è sviluppato un dibattito che vede contrapposti due sistemi zodiacali; molti sono stati gli articoli astrologici qualificati che hanno affrontato il tema, decisamente non ancora risolto.

Più recentemente la divulgazione di altri sistemi astrologici, in particolare della tradizione vedica, e la diffusione di maggiori informazioni riguardo la volta celeste dal punto di vista astronomico, hanno finalmente sollevato anche tra un pubblico più ampio la questione relativa alla discrepanza tra il cielo reale e quello simbolico usato dall’astrologia occidentale.
In effetti quando aprii questo sito nel 2007, se si digitava in google "Astrologia siderale" questo era l’unico che appariva; ora, nel 2015, se si fa la stessa ricerca si ottiene un discreto numero di siti che trattano il tema. Ciò a prova del crescente interesse per una visione di un’Astrologia rivolta al cielo e alla luce delle Stelle.
Il cielo è il libro più antico dell’umanità, in esso è scritta la nostra storia e il nostro divenire. Dalle Stelle proveniamo e ad esse torneremo, sia come elemento carbonio che come elemento etereo. La nostra Galassia é il simbolo del tutto che ci circonda, é l’entità cosmica alla quale il nostro sistema solare appartiene e a cui, come esseri terrestri, noi tutti apparteniamo. I 240 milioni di anni impiegati dalla Galassia per una sua rotazione (in analogia terrestre corrisponderebbero a un anno) riducono a un frammento temporale microscopico l’intera storia dell’umanità, che comunque è riflessa nelle Stelle e riflette le Stelle in sé, come in ciascuno di noi.

E’ ora di rivolgere lo sguardo al di là dei confini del sistema solare, di prendere coscienza delle forze cosmiche che si stanno manifestando in questo periodo sul nostro pianeta e che inducono una rapida evoluzione e una nuova consapevolezza olistica e multidimensionale."

(Da Ere Astrologiche e Astrologia Siderale, dell’Autore, pubblicato sul num. 14 della rivista OltreConfine)

Al di là del sistema preferito e più sentito da ciascun astrologo, ritengo comunque che sia necessario operare con mente aperta e con rispetto per le differenze. La sperimentazione onesta e sincera è forse l’unica risposta a questo dibattito, che temo non si concluderà tanto in fretta.

Questo spazio è dunque dedicato ad articoli che trattano l'argomento.

TUTTI GLI ARTICOLI PRESENTI

Consulta il materiale offerto...

ARTICOLI IN ITALIANO

Sotto un unico cielo, Paolo Bashir Ansaloni
Storia dello Zodiaco, Robert Powell
IL GRANDE DIBATTITO ZODIACALE, Di Bruce Scofield, traduzione di Angela Castello
Lo Zodiaco Siderale (Introduzione), Brihat Parasara Hora Sastra by Manuele @ Isvaradas

ARTICOLI IN INGLESE

Sidereal vs Tropical Astrology, Winterhawk / Wyn Summerhawk

ARTICOLI IN FRANCESE




© 2007 - 2017 | Paolo Ansaloni

Web Design & Web Development by WalkerManStudio